CactusFollia

…tutto sulla coltivazione delle piante grasse e succulente


1 Commento

Leggende e credenze popolari sulle piante grasse

Alcune curiosità sulle nostre amate piante grasse

La mescalina (3,4,5-trimetossi-β-fenetilammina) è un alcaloide psichedelico contenuto principalmente nel peyote (Lophophora williamsii), pianta succulenta appartenente alla famiglia delle cactacee, originaria del deserto del Messico; usata nei riti sciamanici dai nativi americani, ha conosciuto una certa diffusione negli anni '60, ma è stata poi soppiantata dall'LSD, più reperibile e dagli effetti simili. La mescalina è una delle sei feniletilamine componenti la "mezza dozzina magica" di Alexander Shulgin.

Splulciando un po’ su internet mi sono imbattuto in un articolo che parlava di credenze popolari e leggende sull’origine e gli usi di alcune specie di piante grasse.

Molte di queste curiosità, secondo me, sono prive di fondamenti scientifici e quindi poco attendibili ma ho ritenuto comunque opportuno segnalarle a tutti voi “cactofolli”… eccone alcune:

L’agave è conosciuta per i suoi benefici legati al mondo della bellezza. In particolare, essendo ricca di fibre nelle sue foglie, permette la tessitura e la produzione di cappelli, come il famoso “Panama” e “amache”.
Il succo che si ricava da queste piante è alla base della tequila.

La Crassula ha un buon potere di assorbimento dell’inquinamento elettronico prodotto dagli elettrodomestici e ha un’azione depurativa dell’aria, negli appartamenti, ove sono presenti sostanze chimiche nocive.

Il latte che producono alcune varietà di Mammillaria viene usato dai nativi d’America per curare le malattie legate all’orecchio, come la sordità o il semplice mal d’orecchio.

Se conoscete altre credenze/leggende popolari, non mancate di segnalarle qui! 🙂

 


1 Commento

Mangiare cactus: non c’è limite alla scemenza!

Uno YouTuber abbastanza demente, L.A. Beast, noto ai più per mangiare quantitativi matti di cose matte (ad esempio 36 uova con il guscio), ha deciso di portare avanti la tradizione di altri YouTuber, La Fénix e i Children of Poseidon, e mangiarsi non uno ma due cactus da appartamento!

Il risultato come potete immaginare è devastante: spine tra i denti, spine sul palato, spine sulla lingua e soprattutto, un sapore tremendo.

…come disse quello: “la madre degli idioti è sempre incinta”! 😐


Ma che vasi del cactus!

Si avvicina il Natale e si è sempre a corto di idee per i regali…

Un’idea originale per un regalo o una soluzione fuori dall’ordinario per rallegrare la tavola.
Questi vasi-cactus Pot & Co. sono una nuova proposta di quest’anno: da soli o in gruppo ispirano simpatia, richiamando l’informalità e la freschezza della gioventù.

Vasi in ceramica a forma di cactus

Vasi in ceramica a forma di cactus

In quattro diverse forme, più grandi e più piccole, i vasi a forma di cactus si prestano a entrare in tutte le case, anche se, chiaramente, l’abbinamento più riuscito sarebbe con arredamenti moderni e padroni di casa con un minimo di spirito e sense of humor.

Un altro paio di aspetti interessanti di questi vasi: il prezzo contenuto, tra i 2o e i 40 euro, l’effetto molto bello che hanno una volta introdotto il colore e la loro capacità di rendere immediatamente questo risultato con pochissimi elementi. Cioè in altre parole: non costano tanto e poi basta pochissimo per “accenderli”, un fiore, due fiori e si ha già un ottimo effetto finale.