coltivazione, guide

Piante succulente: temperature minime invernali

Quali sono le temperature minime invernali che possono sopportare le nostre piante grasse?

Le temperature minime invernali, associate all'umidità ed al freddo, giocano un ruolo importante nella corretta coltivazione delle piante grasse e succulente durante il riposo vegetativo nella stagione invernale.Si sa che, per quanto possiamo sforzarci, le nostre piante grasse non vengono coltivate in habitat ma piuttosto si ambientano al nostro clima.
Vediamo allora quali sono gli accorgimenti da adottare durante il riposo invernale e quali sono le temperature minime “sopportate” dai vari generi.

Innanzitutto partiamo con il dire che durante il riposo invernale, le piante grasse e succulente dovrebbero stare in un luogo riparato dalle piogge e dalle intemperie invernali (grandine, gelate, neve, venti forti ecc.) per cui il riparo in serra fredda potrebbe essere un’ottima soluzione. In alternativa un luogo riparato… evitate i davanzali delle finestre, assai meglio è invece la posizione in un locale non riscaldato quali un garage, una soffitta, un sottoscala, una cantina, anche con poca luce dato che le piante nel periodo invernale, non vegetano.

Il fattore importante è che non ci sia troppa umidità ma, piuttosto ci deve essere sempre una buona aerazione del locale o della serra per non favorire l’insorgenza delle muffe e delle fungosi. Umidità e freddo infatti sono infatti, i principali nemici delle piante grasse nel periodo invernale.

Con la primavera riprenderà la crescita e con essa le normali pratiche colturali e la fioritura.

Molti cactus sopravvivono al gelo in quanto durante il giorno la temperatura sale e di molto in serra, altri appartenenti alle cosiddette “piante da freddo” come Austrocactus, Echinocereus, Opuntia, Thephrocactus e qualche altra possono sopravvivere a temperature di diversi gradi sotto zero a patto di essere protetti dalla pioggia o coperti dalla neve.

Consulta l’elenco delle temperature minime invernali

 

Buona coltivazione! 🙂

guide

La concimazione delle piante grasse

Come scegliere il concime più adatto?

La concimazione delle piante grasse è una delle attività importanti per una buona e sana crescita.Le piante grasse, come tutte le piante, hanno bisogno di diversi elementi nutritivi che normalmente prendono dal substrato di cultura ed assorbito grazie all’umidità dello stesso. Alcuni di questi elementi devono essere presenti in quantità rilevanti come azoto, fosforo, potassio, mentre altri sono sufficienti in minori o minime quantità come calcio, ferro, manganese, zinco, rame, ecc…

concimi sono quelle sostanze di varia origine che permettono di fornire alle piante gli elementi chimici necessari per il loro ciclo vegetativo o produttivo.

I macroelementi, sono:

  • azoto (indicato con il simbolo N): è l’elemento più importante e fondamentale per ogni pianta in quanto influisce sullo sviluppo totale, da alle foglie un bel colore verde intenso, favorisce la germogliazione, la nascita di nuove ramificazioni o più semplicemente la crescita. L’eccesso di azoto provoca però un abnorme sviluppo della parte aerea della pianta a scapito delle radici, una facilità all’eziolatura della pianta con germogli molto teneri e poco robusti, un maggiore suscettibilità della pianta ad attacchi fungini e di afidi.
  • fosforo  (indicato con il simbolo P): è l’elemento che aiuta la pianta nella fioritura e durante la maturazione del frutto.
  • potassio (indicato con il simbolo K): è l’elemento molto importante nella fase di fioritura ed in quella di sviluppo dei frutti e possiede anche la caratteristica di poter accentuare il colore dei fiori.

Altri elementi che devono essere presenti a seconda della pianta sono:

  • calcio (indicato con il simbolo Ca); magnesio (indicato con il simbolo Mg); zolfo e cloro.

Di solito i concimi commerciali riportano sulla confezione le percentuali di azoto, fosforo e potassio che contengono. I valori dei tre elementi principali appaiono sempre nello stesso ordine riferendosi, il primo all’azoto (N); il secondo al fosforo (P) e al terzo al potassio (K).
Il rapporto in cui si trovano tra di loro questi elementi è espresso nella formula 
N-P-K; ad esempio: N=32% P=8% K=16% : NPK = 4-1-2: in questo caso il concime sarà in prevalenza azotato.

La combinazione di elementi nel concime ideale per le piante succulenti è formata da tre elementi: potassio, azoto e fosforo.Le piante succulente, come del resto tutte le altre piante, devono essere concimate durante la fase di sviluppo vegetativo.
Il contenuto di azoto del concime da utilizzarsi dovrà essere basso.
ll concime ideale per le piante grasse prevede una percentuale più alta di fosforo e potassio ed invece una percentuale più bassa di azoto.

Di seguito alcune regole generali da rispettare:

  • la fertilizzazione va effettuata nei periodi di maggior sviluppo della pianta (primavera-estate) riducendola o sospendendola nei mesi più caldi di luglio e agosto;
  • la fertilizzazione di norma non va effettuata nei periodi invernali (di riposo vegetativo);
  • è meglio una fertilizzazione frequente, ma poco abbondante, piuttosto che sporadica e consistente;
  • è preferibile ricorrere ad un fertilizzante con il rapporto simile a: 1 di azoto (N), 2 di fosforo (P), 4 di potassio (K).