Riciclo creativo - Cactus diy

Amigurumi: pattern gratuiti per piante grasse

Avevo già parlato dell’amigurumi, ovvero l’arte giapponese di lavorare all’uncinetto o a maglia piccoli animaletti o creature in quest’altro mio articolo.

Schemi gratuiti per realizzare delle bellissime piante grasse all’uncinetto

L'amigurumi è conosciuta come l'arte giapponese di creare a maglia o anche all'uncinetto, piccoli animaletti o creature. In questa pagina troverai schemi e tutorial su come realizzare delle bellissime piante succulente all'uncinetto.
Piante grasse all’uncinetto

Spluciando un po’ su Internet, ho trovato questi siti e blog interessanti su come realizzare all’uncinetto delle bellissime piante grasse e succulente:

 

…e per concludere un paio di video-tutorial in spagnolo:

 

Buon divertimento! 🙂

Riciclo creativo - Cactus diy

Amigurumi: piante grasse all’uncinetto

Tutorial per creare delle simpatiche piante grasse all’uncinetto

“Amigurumi (letteralmente “giocattoli lavorati all’uncinetto” o, talvolta, a maglia) è l’arte giapponese di lavorare all’uncinetto o a maglia piccoli animaletti o creature antropomorfizzate. Il nome è il risultato della combinazione delle parole giapponesi ami, che significa lavorare a maglia o all’uncinetto, e nuigurumi, che significa peluche.

Gli amigurumi sono solitamente realizzati all’uncinetto a maglia bassa con la tecnica della lavorazione in tondo, ma possono essere anche lavorati ai ferri (anche in questo caso lavorando circolarmente con il goco di ferri o la tecnica del magic loop con ferro circolare e con ampio uso di tecniche avanzate quali i ferri raccorciati). Gli uncinetti o i ferri utilizzati sono leggermente più piccoli della norma, perché è necessario costruire una struttura che tenga ben stretta al suo interno l’imbottitura, solitamente formata da poliestere (fiberfill o imbottitura di cuscini), avanzi di filato in lana o bambagia; per lo stesso motivo i pupazzi sono generalmente realizzati in lana o in filato acrilico e non in cotone. Sono lavorati suddivisi in parti che successivamente vengono unite, ad eccezione di quelli che non presentano arti (aventi soltanto la testa e il busto), che possono essere trattati come un unico pezzo.” [tratto da Wikipedia]

Amigurumi: la tecnica per realizzare piante grasse e succulente all'uncinetto. Video tutorial per creazione piante grasse all'uncinetto.Girovagando su Internet, ho trovato delle simpatiche piante grasse fatte all’uncinetto… così mi son documentato ed ho trovato molte informazioni interessanti, tutorial e schemi gratuiti.

Eccovi quindi qualche link che spero possa esservi utile:

Voi conoscete altre risorse online o libri/e-book sulla realizzazione di piante grasse e succulenti con la tecnica “amigurumi”?

…fatemi sapere! 🙂

Riciclo creativo - Cactus diy

Realizzare un appendivasi per le nostre hoya

Un originale appendi-vasi “fatto a mano” per tutte le piante succulente dal portamento ricadente

In questo tutorial, vi spiegherò come creare un appendivasi per le nostre piante grasse dal portamento ricadente quali crassule, hoya ecc.
La realizzazione è veramente molto semplice ed il materiale utilizzato è poco ed economico.

Materiale usato: portavasi, spago colorato (circa 3 mm di diametro) o una corda a vostro piacimento, gancio a S.

Un appendivasi molto carino ed economico per le piante succulenti dal portamento ricadente.
Passo 1: Il primo nodo al centro del portavasi

Innanzitutto tagliate 4 pezzi di corda o spago della stessa lunghezza.
In questo tutorial, ho fatto 4 pezzi da 1 metro ciascuno ma, la lunghezza dipende soprattutto dal diametro del portavasi e dall’altezza che volete dare al portavasi una volta appeso… fate diverse prove.

Passo 1: Capovolgete il portavasi ed annodate le quattro corde ottenute al centro della loro lunghezza.
Posizionate poi il nodo creato al centro del fondo del portavasi.

Annodando le varie corde si inizia ad ottenere la trama che sosterrà poi il portavasi per appendere le nostre hoya, crassule ecc.
Passo 2: Secondo nodo in linea con il bordo inferiore del portavasi.

Passo 2: A questo punto, prendete due estremi di una corda ed annodateli tra loro facendo attenzione a posizionare il nodo leggermente al di fuori del bordo inferiore del portavasi.

Le hoya, le crassule e più in generale tutte le piante succulente dal portamento ricadente possono essere appese con dei portavasi.
Passo 3: Continuo a fare gli altri nodi fino ad arrivare al quarto.

Passo 3: Continuo in questo modo a fare tutti gli altri tre nodi fino a completare i quattro nodi che si posizioneranno alla base del nostro portavasi.

Le piante grasse come le hoya, le crassule ed altre si adattano molto bene alla coltivazione su portavasi appesi. Infatti il loro portamento in genere è ricadente o rampicante.
Passo 4: I quattro nodi alla base del nostro portavasi

Passo 4: I quattro nodi alla base del portavasi daranno maggiore stabilità al vaso appeso ed eviteranno lo spostamento, soprattutto durante le giornate ventose.

Le piante succulente dal portamento ricadente o rampicante possono adattarsi alla coltivazione con dei vasi appesi.
Passo 5: Continuando a fare i nodi si inizia ad intravedere la “trama” di spago che sosterrà il portavasi.

Passo 5: Ora dovete prendere due fili, uno proveniente da un nodo e l’altro filo proveniente dal nodo accanto.
Annodateli insieme e procedete in questa maniera anche per gli altri fili.
Se il portavasi non è troppo grande, questa seconda “fila” di nodi dovrebbe posizionarsi a circa la metà dell’altezza del portavasi.

Un tutorial molto semplice per creare un portavasi appeso solo con l'uso di spago colorato e qualche nodo.
Passo 6: Il risultato finale!

Passo 6: Ultimo passo!
Continuate ad annodare a coppia i fili (come visto nel passo 5), posizionando i nodi poco al di sopra del bordo superiore del portavasi.
Fatti tutti e quattro i nodi, capovolgiamo il portavasi, posizioniamo bene l’intreccio di spago che abbiamo appena creato ed annodiamo insieme tutti i fili alla fine.

Et voilà! …il gioco è fatto!

Il portavasi intrecciato in questo modo si può appendere con l’utilizzo di un gancio a S e coltivare tutte le nostre piante succulenti dal portamento ricadente o rampicante.

Visto com’è semplice e… sicuramente di bell’effetto, no?

…ciao! 🙂